• Viaggi intorno al mondo di Luca Buffoni
Diari

Fiorenzuola d’Arda – Cella di Noceto

07 luglio 2020

Una leggenda narra che il secondo giorno di cammino sia il più faticoso. I muscoli delle gambe, che pensavano di potersi riposare un po’ di più dopo l’incredibile sforzo del giorno prima, si ritrovano in movimento fin dal primo mattino. Anche i punti del corpo dove appoggia lo zaino e che non sono ancora abituati a portarne il peso protestano ad ogni passo.

Bene! Questo è stato il mio secondo giorno di cammino sulla via Francigena ed è stato molto molto faticoso.

Sono partito dall’albergo alle 6.00. Il cielo era nuvoloso, c’era vento e ogni tanto scappava qualche goccia di pioggia. Non potevo chiedere di meglio per l’inizio di questa lunga giornata e dei suoi 40 chilometri. In poco tempo, attraversando campi di mais, pomodori e girasoli, sono arrivato a Fiorenzuola e poi all’abbazia di Chiaravalle della Colomba ad Alseno. Ero allegro e spensierato. Salutavo tutti e ammiravo ciò che mi circondava.

A mezzogiorno, quando il navigatore segnava 27 chilometri, giungevo a Fidenza. Intanto il cielo si era aperto e il sole cominciava a scaldare e a bruciare.

Dopo Fidenza sono comparse le prime colline, le strade non era più tutte in piano e le mie gambe soffrivano ogni minimo dislivello.

Alle 15.30, a 38 chilometri dall’inizio della tappa, mi sono sdraiato nel minuscolo rettangolo d’ombra prodotto dal muro del cimitero di Costa Mezzana. Secondo i miei calcoli mancavano ancora 6 km (!!!) a Cella di Noceto. Ero distrutto, non sentivo più i piedi, non potevo farcela! E invece molto lentamente mi sono alzato e molto lentamente ho indossato lo zaino. Un passo dopo l’altro (i primi zoppicando, gli altri un po’ meno) mi sono rimesso in marcia.

La salita al Castello di Costamezzana mi ha dato il colpo di grazia. Era ripida, sotto il sole e non se ne vedeva mai la fine.

Alle 17.30 sono sceso a Cella di Noceto e ho goduto della bella accoglienza della Fraternità Francescana di Betania: un ristoro per il corpo e per lo spirito.

 

Facebook Comments
Articolo precedenteArticolo successivo