• Viaggi intorno al mondo di Luca Buffoni
Diari

Berceto – Pontremoli

10 luglio 2020

Pensavo che la salita al monte Valoria (1229 m) e al Passo della Cisa (1055 m) fosse difficile, invece è stato un salire dolce e all’ombra. Senza quasi rendermene conto, un’ora e mezza, ero sul crinale della montagna a godermi lo splendido panorama e poco dopo, superato il passo della Cisa, entravo in Toscana.

Camminare nel fitto bosco, attraversato subito dopo, è stata un’esperienza intensa. Il silenzio era rotto solo dal mio passo e dal rumore degli animali; ero solo, come sono solo ormai da cinque giorni; il cammino era spedito e la mente vagava.

All’improvviso è iniziata la discesa, ripidissima. Ed è lì che sono cominciati i dolori. Senza capire a che punto fossi ho incontrato diversi paesini, con le case di pietra e pochi abitanti (a Tolopeca ce ne sono solo 5). Attendevo la “grande salita” promessa su tutti i cartelli segnaletici.

L’ascesa al Passo della Crocetta (700 m) è stata veramente dura: era già la sesta ora di cammino e non ero proprio freschissimo; il sentiero era tutto al sole (quello delle 13.30) e continuava a salire. Non so come ho fatto ad arrivare in cima. Mi facevano male i piedi, le gambe e le spalle. Ero disidratato.

Dal Passo della Crocetta in poco tempo sono sceso ad Arzengio e infine a Pontremoli, la meta di oggi.

 

Facebook Comments
Articolo precedenteArticolo successivo