• Travels around the world by Luca Buffoni
Diaries

Passo del Lucomagno – Aquila

6 settembre 2019

Dal mese di giugno, a Milano, non ci sono stati meno di 30 gradi. Ieri sera un grande acquazzone ha fatto precipitare le temperature. Stamattina alle 4.45, quando ci siamo svegliati, non pioveva ma faceva freddo e le previsioni del tempo non promettevano nulla di buono. Neve al Passo del Lucomagno! Possibile?

Attrezzati come se fossimo in pieno inverno, al buio, abbiamo caricato l’auto e siamo partiti verso la Svizzera. All’uscita autostradale di Biasca, ecco di fronte a noi un monte completamente bianco. È lontano! Non sará quello! Man mano che salivamo, il monte innevato si faceva sempre più vicino, occupava tutta la visuale. Forse abbiamo fatto male a venire qui a camminare proprio oggi! Nella frazione di Aquila, dove era previsto l’arrivo della nostra tappa, faceva freddo ma non c’era neve. Continuavamo a salire. “Lucomagno aperto/ouvert/open/offen”. Bene! Si vedeva il vento agitare le foglie degli alberi. 1,5 km prima di raggiungere il Passo del Lucomagno abbiamo incontrato la neve. Non solo i prati ma anche le strade erano piene di neve!

Abbiamo lasciato la macchina nel parcheggio dell’Ospizio del Lucomagno e ci siamo preparati: maglia termica, felpa, cappelli, guanti, scaldamani, scaldacollo e giacca a vento. Intorno a noi solo bianco e vento. Erano le 7.30 ed eravamo pronti ad un inizio epico della via Francisca del Lucomagno.

I primi passi sono stati lungo la strada asfaltata: c’era troppa neve e non riuscivamo a imboccare il sentiero. Più avanti ha iniziato a piovere, abbiamo proseguito lungo il Sentiero Lucomangno e in poco abbiamo raggiunto Acquacalda. Entrati nel “Centro Pro Natura Lucomagno” eravamo così stravolti dal freddo e inzuppati d’acqua, che la hostess ci ha chiesto preoccupata: “Ma vi siete persi in montagna?” L’abbiamo tranquillizzata: eravamo entrati per fare colazione.

Seguendo il fiume Brenno, percorrendo prima il Sentiero Alto e poi il Sentiero Basso, abbiamo attraversato la Valle di Blenio scendendo di circa 1000 metri. La neve ci ha abbandonato quasi subito, lasciando il posto ai verdi e curati prati svizzeri, ai pascoli e ai borghi storici. La temperatura si è alzata e in alcuni momenti il sole sembrava fare capolino in mezzo alle nuvole. Verso le 13.00, dopo 21 km, abbiamo raggiunto senza fatica Aquila, la meta della prima tappa del nostro cammino.

 

Facebook Comments
Previous ArticleNext Article