• Viaggi intorno al mondo di Luca Buffoni
Diari, Laugavegur

Reykjavik – Landmannalaugar

18 luglio

Alle 13.30 eravamo alla stazione degli autobus. Il nostro sarebbe partito alle 16.00. Da Landmannalaugar arrivavano notizie di condizioni meteo pessime: vento e pioggia.
Il primo autobus era normale e ci ha portati in un’ora e cinquanta fino ad Hella; il secondo era invece un bus da sterrato vecchio e malandato, che dalle 18.30 alle 21.00 ci ha fatto vivere un’avventura dietro l’altra.
1. L’autista ha imparato a guidare il mezzo nel parcheggio di Hella, infatti, soprattutto all’inizio, che fatica a ingranare le marce!
2. Dopo il primo sterrato, la signora dell’ultimo posto si è accorta che un bagagliaio si era aperto. Ci siamo fermati per chiuderlo. Dieci minuti dopo è capitato di nuovo.
3. La porta per i passeggeri non si apriva.
4. Verso la fine del viaggio abbiamo dovuto caricare i bagagli sui sedili perché l’acqua del fiume da guadare era troppo alta.
A Landmannalaugar, mentre il bus parcheggiava, si vedevano tende distrutte dal vento e ricoperte d’acqua. Il responsabile del rifugio ci ha subito sgridato perché era sconsigliatissimo percorrere il Laugavegur in quelle condizioni climatiche proibitive: non dovevamo essere lí.
Con fatica e preoccupazione abbiamo montato le nostre tende sotto la pioggia battente e raffiche di vento fortissime. Speriamo che resistano e che domani il tempo sia migliore.
Facebook Comments
Articolo precedenteArticolo successivo