• Viaggi intorno al mondo di Luca Buffoni
Santiago 2013: Cammino Francese

Lourdes – Saint-Jean-Pied-de-Port

Domenica 7 Luglio 2013

Stamattina sveglia alle 6.00, se di sveglia si puó parlare: ho dormito poco e male. Manuel invece si è svegliato solo una volta… e ne ho approfittato per addormentarmi io.
Messa alla grotta alle 6.45 e poi a visitare i luoghi di Bernardetta.

I testi della preghiera di oggi mi svelano il senso del cammino che mi attende:

non portate borsa, né sacca, né sandali(Lc 10,4)
Questa è la mia condizione alla partenza. Non ho nulla se non le quattro cose che porto nello zaino. Non sono nessuno, chi mi incontra non mi conosce, non conosce la mia storia: sono solo un pellegrino. Guardandomi allo specchio, anche io faccio fatica a riconoscermi: per questo viaggio mi sono tagliato i capelli a zero. Ricomincio da zero col desiderio di lasciarmi trasportare, Signore, dalla tua Parola, di non confidare in nient’altro se non in Te.

“Cerca nel tuo cuore ciò che è gradito a Dio. Bisogna spezzare minutamente il cuore. Temi che perisca perché frantumato? Sulla bocca del salmista tu trovi questa espressione: «Crea in me, o Dio, un cuore puro» (Sal 50, 12). Quindi deve essere distrutto il cuore impuro, perché sia creato quello puro.” (s.Agostino)
Parto con il cuore spezzato da tante cose, ho paura di donarmi, di aprirmi ancora. Fa’, o Signore, che in questo cammino possa aprirmi a Te, l’unico che può ricostruire il mio cuore e la mia vita.

Alle 11.00 ho salutato Manuel e mi sono recato in stazione per prendere il treno delle 12.23 per Bayonne e… sorpresa! Causa alluvione il servizio era interrotto. Meno male che c’era a disposizione un Bus di collegamento alle 14.30 (!!!). Le due ore di attesa da solo sono state mooolto lunghe, trascorse tra la sala d’aspetto della stazione e il bar vicino. Ogni volta mi alzavo e tornavo indietro perché avevo dimenticato il cappello, e tornavo indietro ancora perché avevo lasciato il bastone… Almeno ho cominciato a rendermi conto di quello che possiedo.

Sul pullman ho dormito.
Alle 17.30 sono arrivato a Bayonne e alle 18.00 ho preso il trenino per Sanit-Jean… quasi tutti pellegrini per Santiago. Non me ne aspettavo così tanti! Bello riconoscersi dallo zaino e scambiarsi saluti, informazioni, consigli… Il viaggio è stato il piú lungo di sempre: quasi 2 ore a 20 km/h, non arrivavamo più.

Durante il viaggio ho incontrato e conosciuto Flavio e Carlo, a St-Jean, con loro, ho trovato un albergo. Pizza, doccia, ufficio informazioni ed eccomi qui a scrivere. Domani si comincia a camminare!

Facebook Comments
Articolo precedenteArticolo successivo