• Viaggi intorno al mondo di Luca Buffoni
Santiago 2013: Cammino Francese

Saint-Jean-Pied-de-Port – Roncisvalle

Lunedì 8 Luglio 2013

È complicato avvolgere il sacco a pelo alle 5.30 di mattina! Nonostante tutto alle 6.20 Carlo, Flavio ed io eravamo fuori dall’albergo pronti per partire. La prima tappa: dalla Francia alla Spagna attraverso i Pirenei, 25 km, 1300 m di dislivello in salita e 550 in discesa.
Bel tempo… si poteva già immaginare, nonostante il fresco della mattina, l’insolazione che avremmo preso in giornata. Mentre salivamo i PIRENEI si vedevano le valli coperte di nebbia… uno spettacolo meraviglioso, non meno del paesaggio che abbiamo ammirato qualche ora dopo dalle cime.

Per i primi 15 km, anche se in salita, è andato tutto bene: eravamo ENTUSIASTI! Abbiamo parlato, salutato tutti, fatto foto, fermandoci continuamente a sistemare le cinghie dello zaino… Dopo la Fontana di Rolando, prima di giungere al punto più alto della tappa (1410 m), è cominciata la fatica e il cammino si è fatto più solitario e concentrato.

EVITARE di scendere dritto per la difficile pista nella foresta” diceva la guida della tappa… e noi, senza nemmeno accorgercene, siamo scesi proprio da lì. Una discesa ripidissima e un mal di gambe, ginocchia, spalle, piedi… ci hanno fatto rimpiangere la salita. Ma il Basajaun, lo spirito protettore che dalla notte dei tempi vigila sulle montagne basche, ci ha permesso di arrivare a RONCISVALLE per le 14.00, sani e salvi.
Abbiamo preso il nostro letto nell’Albergue, fatto la doccia e goduto il meritato riposo.

Questa sera al ristorante abbiamo fatto una grande tavolata di pellegrini: Caroline (Londra), Jill (Francia) e Anya (Polonia), Augustine e Armando (Spagna), Carlo, Flavio e io. Prima di tornare nell’Albergue, mi sono fermato in chiesa a ricevere la benedizione del pellegrino (molto suggestiva), alla quale è seguito un concerto di chitarra classica.

Il VANGELO continua a segnare i miei passi nell’attesa di un incontro “Se riuscirà anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata.” (Mt 9,21)

Facebook Comments
Articolo precedenteArticolo successivo